Semeiotica del piede:
dall’esame clinico agli esami strumentali

10 marzo 2018 - Crediti ECM assegnati: 8


Sede del corso: “Residenza Gasparini” - (presso Università Cattolica)
Strada dell’Anselma 7 - Piacenza

Presidente: dr. Francesco Caravaggio - Presidente Onorario: prof. Giacomo Pisani
Segreteria scientifica: dr Fabio Depalmi
Organizzazione di riferimento PROTEO - Piacenza

Click per scaricare il programma del corso



Presentazione

Non è stato facile decidere di mettere in campo una giornata di studio con questo titolo: poteva sembrare troppo “scolastico”, di relativo richiamo e interesse; contenuti scontati per persone che quotidianamente affrontano le problematiche del piede.

In realtà proprio la pratica quotidiana talora evidenzia una certa approssimazione nel valutare il problema della persona che abbiamo di fronte: poco ascolto della descrizione che il paziente fa dei propri disturbi, momento invece fondamentale che già può mettere sulla strada di una corretta diagnosi (il prof. Pisani ha dedicato un capitolo del suo trattato al rapporto con il paziente); esame clinico affrettato, precedenza alla visione degli esami strumentali rispetto alla clinica.

Tanto più importante una adeguata valutazione complessiva quando si consideri il restringersi in senso superspecialistico dei campi di interesse del singolo professionista: l’interessarsi all’approfondimento dello studio di un certo organo, p. es. il Piede, non può prescindere dal correlarlo con l’insieme che costituisce l’organismo: una serie di sintomi locali può in realtà trovare la sua origine in altra sede, pur avendo il piede come organo bersaglio.

In quest’ottica gli esami strumentali che sempre più si sono affinati, divenendo quindi prezioso strumento diagnostico, per questo stesso fatto necessitano di essere preceduti da indicazioni cliniche più precise possibili, per consentire risposte adeguate e non generiche da parte dei professionisti.

Tutto ciò al fine di proporre al paziente un indicazione terapeutica più corretta possibile

E naturalmente non si può prescindere ai nostri giorni dalle implicazioni medico-legali che scelte cliniche e valutazioni strumentali possono produrre

Di queste cose si cercherà di ragionare nella giornata di studio proposta con l’aiuto di esperti professionisti a cominciare dal prof. Giacomo Pisani che ancora una volta ci farà l’onore di essere fattivamente presente e di guidarci con la sua esperienza

Francesco Caravaggio

Programma

h. 08,30 Saluti e Introduzione al Corso
h. 08, 40 Lezione Magistrale prof. Giacomo Pisani: Integrazione funzionale dell’arto inferiore
h. 09,20 dr. Marco Marcarelli: “Il passo: normalità e patologia”
h. 09,50 dr. Lorenzo Virelli: “Gait Analysis: normalità e patologia”
h. 10,20 Discussione
h. 10,40 Coffee break
h. 11,00 dr. Fabio Depalmi: Esame Obiettivo
h. 11,30 dr. Francesco Caravaggio: Significato clinico del dolore nella patologia del piede
h. 12,00 prof. Matteo Pennisi: Come valuta il piede il fisiatra
h. 12,30 dott. Luigi Follini: possibilità terapeutiche per il trattamento del dolore acuto e cronico
h. 13,00 Discussione
h. 13,15 Colazione di Lavoro
h. 14,15 dr. F. Caravaggio, dr. F. Depalmi: Esempi pratici di valutazione clinica su pazienti in diretta da ambulatorio
h. 15,00 Diagnostica per immagini: prof.Vincenzo Spina: “Esame radiologico e TAC: indicazioni e limiti nella patologia del piede”
h. 15,30 Diagnostica per immagini: dr. Giulio Pasta: “Ruolo dell’ecografia nella patologia del piede”
h. 16,00 Diagnostica per immagini: prof. Giuseppe Monetti : “RMN statica e dinamica, indicazioni e limiti nella patologia del piede”
h. 16,30 Discussione
h. 16,45 dr. Federico Personé: “Esame clinico e diagnostica strumentale: questioni medico-legali”
h. 17,15 Discussione
h. 17,30 Test di apprendimento
h. 18,00 Chiusura del Corso

Grafica e layout sono di esclusiva proprietà di Centro Chirurgia Piede e Caviglia
fax: +39 0522 866918 - cell.: +39 340 5248703 - e-mail: dott. Caravaggio